Che Partner Siamo e scegliamo? - The Strange Situation
60
post-template-default,single,single-post,postid-60,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Che Partner Siamo e scegliamo?

Prima di addentrarci nel caldo tema delle relazioni di coppia credo sia fondamentale fare una piccola riflessione a partire dalle note parole del filosofo greco Aristotele che descriveva, fin dai tempi più remoti, l’uomo come “animale sociale”, cioè in continua relazione con “altri”.
L’essere umano ha bisogno di contornarsi di altri individui, infatti fin dalla nascita è dotato di una spinta naturale che lo porta a relazionarsi con altre persone.
Tra i vari legami che instauriamo in tutto l’arco della nostra vita, un ruolo fondamentale è ricoperto dalle relazioni affettive. Spesso sono proprio queste che ci mandano in crisi, provocano sofferenza quando si interrompono o quando sono assenti, ma ci nutrono di emozioni indimenticabili quando tutto funziona in un incastro perfetto.
In particolare le relazioni di coppia sembrano essere proprio il motore della nostra vita, basti pensare a quante decisioni abbiamo preso pur di mantenere un legame affettivo o pur di troncarlo!

CHE PARTNER SCEGLIAMO?

Vi siete mai interrogarti da quale tipo di partner siete attratti?

Come vi relazionate con il vostro compagno?

Per capire come funzioniamo e come gestiamo i nostri legami affettivi è necessario porsi alcune domande e provare a passare in rassegna le relazioni che crediamo essere state particolarmente significative.

Provate a stilare una vera e propria lista, richiamando alla memoria i ricordi relativi alla prima “cotta”, la ragazza o il ragazzo che vi ha fatto perdere la testa, poi, passate alla prima storia d’amore, proseguite fino ad arrivare alla storia più recente.

Solo dopo aver fatto questa breve panoramica potrete constatare che alcune storie non rientrano nella vostra lista, forse perché le avete ritenute poco importanti e avete deciso di tralasciarle, altre, invece, saranno affiorate immediatamente alla vostra memoria.

QUALE STILE AFFETTIVO?

La modalità con cui ci rapportiamo con il nostro partner è una caratteristica della nostra personalità, ci appartiene, è la nostra identità, è lo stile affettivo che ci caratterizza.

Da dove deriva? Lo abbiamo appreso nei primi mesi di vita, quando abbiamo instaurato i primi rapporti con nostra madre o con chi ci ha accudito.

A tutti voi sarà capitato di essere descritti dai vostri genitori come bambini “mammoni”, oppure, “ribelli”, “capricciosi”, “in cerca di attenzioni”, “autonomi”,”taciturni”…

Questa descrizione è ancora attuale? Come vi descrive oggi il vostro partner?

Lo stile affettivo di quando eravamo bambini spesso lo riproponiamo in età adulta nelle relazioni affettive.

Ora …

Riprendendo la vostra lista e ripensando alla vostra “carriera sentimentale  vi affioreranno alla mente numerose riflessioni ed emozioni …

Perché una storia è finita? Come mi sento ora?

Come è cambiato il modo di approcciarmi ad altri partner?

Quando ci si trova a fare i conti con la fine di una relazione sentimentale, spesso si viene travolti da sentimenti di forte spaesamento e può essere utile intraprendere un percorso psicologico al fine di acquisire consapevolezza del modo di funzionare di noi stessi.

“Quando scatta una crisi inizia un processo”

(M. Villegas)

Bibliografia

C. Hazan, P.R. Shaver, 1987. Romantic Love Conceptualized as an Attachment Process.

Condividi