Conosci l'intelligenza emotiva? - The Strange Situation
477
post-template-default,single,single-post,postid-477,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Conosci l’intelligenza emotiva?

Lo studioso Goleman (1995) ha descritto l’intelligenza emotiva (Q.E= Quoziente Emotivo) come:

la capacità di percepire, valutare, comprendere, esprimere un’emozione e regolarla al fine di promuovere la crescita emotiva e intellettuale individuale e collettiva.

Gli elementi che la costituiscono sono:

  1. Consapevolezza di sé: conoscere e riconoscere le proprie emozioni
  2. Autocontrollo: gestire le proprie emozioni
  3. Motivazione: auto-incoraggiarsi per raggiungere gli obiettivi inseguendo le proprie passioni
  4. Empatia: percepire i sentimenti degli altri, adottare la prospettiva altrui
  5. Abilità sociali: utilizzare le informazioni ai punti 1-2-3-4 nelle interazioni con gli altri facendoli sentire a proprio agio e tirando fuori il meglio di loro

Come funziona?

L’intelligenza emotiva si apprende, non è innata. La si può apprendere in età infantile grazie all’aiuto delle figure di riferimento che insegnano a riconoscere gli stati emotivi del bambino di cui si prendono cura. Pensiamo ai genitori, ai nonni e alle insegnanti della scuola materna che fin dai primi mesi di vita ci forniscono delle primordiali emozioni attraverso l’uso del linguaggio “Hai avuto paura?”,”Ti senti triste oggi?”,”Sei arrabbiato…”,”ti vedo felice”…

Può capitare di avere alcune difficoltà nel riconoscimento e nella gestione delle emozioni anche arrivati all’età adulta, ma l’intelligenza emotiva si può apprendere grazie ad alcuni strumenti di auto-osservazione all’interno di percorsi psicologici.

Condividi