dal film: Pensavo fosse amore invece era un calesse... - The Strange Situation
539
post-template-default,single,single-post,postid-539,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

dal film: Pensavo fosse amore invece era un calesse…

Nel video Tommaso (Massimo Troisi) è appena stato lasciato dalla fidanzata Cecilia (Francesca Neri) che si è innamorata di un altro uomo, riceve visita dall’amico Amedeo (Angelo Orlando) che cerca di convincere Tommaso ad uscire di casa, cercando per lui una distrazione, in un momento di grande difficoltà, ma Tommaso si rifiuta…

Tommaso esprime all’amico tutta la sua sofferenza al punto che, a noi spettatori, sembra quasi di percepirla, il protagonista ci dice qual è il suo bisogno: soffrire senza distrazioni.

“voglio soffrire bene”

“lasciatemi soffrire tranquillo, se ci siete voi, non mi riesco a concentrare, soffro male, soffro poco, non mi diverto”

Troisi esprime chiaramente il suo dolore anche dal punto di vista corporeo, gesticolando ci mostra come la sofferenza gli pervade il petto, è lacerato dal dolore al punto che, anche a noi, spettatori sembra di sentire quella disperazione straziante.

Tommaso non intende distrarsi, anzi, vuole prendersi del tempo per “soffrire bene”, così spiega all’amico Amedeo che non ha bisogno di distrazioni, bensì di tempo per “soffrire bene divertendosi”.

Tommaso non è spaventato da ciò che sta provando, si concede di sentire il dolore e nel farlo scopre anche di divertirsi; ci vuole dire che è importante prendersi cura delle emozioni negative, è importante entrare in contatto con queste.

Le emozioni possono essere gestite solo dopo averle conosciute, provate e accettate.

Condividi